Regolamento Ferite

Ferite

Come si eseguono le cure

Le cure ad un PG ferito si eseguono attraverso l’utilizzo delle ” azioni mediche”(che siano di pronto soccorso o chirurgia). Ogni tipo di ferita può infatti essere curata attraverso particolari operazioni, costituite dall’utilizzo di una o più azioni di chirurgia in forma sequenziale. Ogni PG medico può svolgere esclusivamente una singola azione medica al turno.

Solitamente le azioni mediche si svolgono effettuando un test di Destrezza (o di qualsiasi altra caratteristica specificata dall’azione medica stessa), con un modificatore stabilito dal tipo di operazione e di ferita. In caso il test abbia successo l’azione può ritenersi ben riuscita, mentre in caso di fallimento qualcosa è andato storto, causando problemi al paziente che perderà 1 PV per ogni fallimento del medico.

Più medici possono lavorare ad uno stesso paziente assieme (riducendo i tempi dell’operazione o sfruttando competenze diverse). L’importante è che ogni azione medica venga effettuata nella giusta sequenza prevista dall’operazione. I medici possono utilizzare particolari azioni, droghe, pozioni o strumenti per calmare il paziente o facilitare la propria operazione. Le caratteristiche di tali oggetti sono solitamente descritti nelle schede di mercato.

Azioni di Pronto Soccorso

Steccatura: [Difficoltà base -1 Destrezza- si esegue in 2 azioni] il medico applica un simulacro ligneo o metallico a sostegno di un arto offeso, stringendo con le garze in modo da renderlo stabile.

Bloccare Emorragia: [Difficoltà base -2 Destrezza- si esegue in 1 azione] il medico tampona con garze, bende, spugne ed altri strumenti una ferita cercando di bloccare l’emorragia. In caso di fallimento del test l’emorragia non viene bloccata. Una volta bloccata l’emorragia il PG che ha subito il tamponamento si deve limitare a compiere gesti basici altrimenti, ogni qual volta egli compia un movimento leggermente faticoso si tira 1d10. Con un risultato pari o superiore a 6 la ferita si riaprirà provocando danni da sanguinamento. Per bloccare permanentemente l’emorragia il PG dovrà sottoporsi alla relativa operazione chirurgica.

Ricollocazione: [Difficoltà base -3 Forza- si esegue in 1 azione] il medico applica una pressione ad un arto lussato cercando di rimetterlo in posizione. In caso di fallimento del Test l’arto non rientra nella propria locazione e rimarrà inutilizzabile sino a che non verrà messo apposto.

Rianimare: [Difficoltà base –Malus pari all’eventuale punteggio negativo di PV del PG- si esegue in 1 azione] tramite l’ausilio di sostanze o tecniche di rianimazione, il medico cerca di riportare ad uno stato di coscienza un personaggio svenuto. In caso di fallimento il test dovrà essere ripetuto al turno successivo.

Azioni di Chirurgia

Salasso: [Difficoltà base -1 Destrezza- si esegue in 1 azione] il medico applica un taglio su di una vena/arteria del paziente causando la fuoriuscita del sangue. Viene usata principalmente per tentare di migliorare la condizione dei malati (facendo “defluire gli umori maligni”) o per rallentare gli effetti del veleno. In caso di fallimento il Salasso causa l’emorragia.

Estrarre corpo estraneo: [Difficoltà base -3 Destrezza se eseguito in 2 turni, -5 se eseguito in 1] il medico estrae eventuali corpi estranei (quali punte di freccia, di arco, frammenti di armatura, osso o tessuto) da una ferita. In caso di fallimento del Test il soggetto sarà afflitto da una nuova emorragia.

Pulire ferita: [Difficoltà base -2 Destrezza , si esegue in 2 turni] il medico ripulisce la ferita da eventuali infezioni e derma in necrosi, in modo da facilitare il recupero della ferita. In caso di fallimento del Test il soggetto sarà afflitto da una nuova emorragia.

Sutura: [Difficoltà base nessuno , si esegue in 1 turno] il medico applica dei punti di sutura ad una ferita.

Placcatura: [Difficoltà base -4 Destrezza , si esegue in 1 turno] attraverso l’uso di una cannula cava il medico inserisce in una data zona ferita del corpo del paziente un “balsamo di placcatura”, composto ricavato da particolari funghi del Bannoch capace di generare la ricostruzione di determinate aree danneggiate.

Amputazione: [Difficoltà base -3 Forza , si esegue in 1 turno] il medico amputa l’ arto di un paziente. Amputazione causa “AUTOMATICAMENTE” sanguinamento. In caso di fallimento del test, amputazione infligge 1d6 danni da taglio al soggetto.

Legatura: [Difficoltà base -2 Forza , si esegue in 1 turno] il medico lega un arto di un soggetto per ridurre l’emorragia. Legatura permette di ignorare l’insorgere di emorragie per un massimo di 3 turni consecutivi.

Cauterizzazione: [Difficoltà base -3 Destrezza , si esegue in 1 turno] attraverso l’uso di un ferro rovente il medico cauterizza una ferita in maniera da impedire l’insorgere di emorragie. In caso di fallimento del Test il paziente subisce 1d4 danni da ustione.

Stabilizzazione: [Difficoltà base 0, si esegue in 2 turni] attraverso l’utilizzo di “gesso”, steccature o altri supporti, il medico “stabilizza” ed immobilizza l’arto offeso del proprio paziente.

Operazioni Chirurgiche

Pulitura della ferita

Effetti: il medico pulisce e sutura le ferite del proprio paziente, scongiurando il rischio di infezioni e permettendo al paziente di iniziare il proprio recupero.

Esecuzione: Pulire Ferita | Sutura

Ricucitura

Effetti: Il medico pulisce, cauterizza e sutura una ferita estesa del proprio paziente. Risolve permanentemente lo status di ferita grave “emorragia ” e l’infezione.

Esecuzione: Pulire ferita | Cauterizzazione | Sutura

Rimozione corpo estraneo

Effetti: Il medico estrae un proiettile dal corpo del paziente e pulisce, cauterizza e sutura la ferita. Risolve permanentemente lo status di ferita grave “incastrato” , l’infezione e l’emorragia.

Esecuzione: Estrazione| Pulire ferita | cauterizzare | Sutura

Mettere apposto le ossa

Effetti:
Il medico salda ed immobilizza un arto offeso del proprio paziente. Risolve le ferite gravi “lussazione, rottura arto e slogatura” .

Esecuzione: Pulire ferita| Stabilizzazione

Chirurgia cranica/ arti

Effetti: Il medico applica una “placcatura” fungina alle ferite gravi di un paziente, ripulendo e rimettendo apposto la ferita. Risolve le ferite gravissime “maciullato”, emorragia e l’infezione.

Esecuzione: Pulitura ferita | Placcatura | Cauterizzazione | Sutura

Amputazione

Effetti: Il medico amputa l’arto offeso di un paziente per prevenire eventuali complicazioni.

Esecuzione: Legatura/ Amputazione /Sutura

Applicazione Protesi

Effetti: attraverso l’uso della placcatura fungina il Medico applica una protesi sul corpo del proprio paziente. Consente l’utilizzo delle protesi.

Esecuzione: Pulitura/Placcatura/Sutura

Drenaggio

Effetti: attraverso il salasso del paziente, il medico cerca di rallentare gli effetti del veleno o della malattia che egli ha in circolo. Può rallentare il decorso di particolari malanni e intossicazioni.

Esecuzione: Salasso – Legatura – Sutura

Curare Ustioni

Effetti: applicando balsami curativi e pulendo il tessuto necrotico ed ustionato del paziente, il medico cerca di lenire le ferite da ustione del soggetto. Permette la ripresa da eventuali danni da ustione.

Esecuzione: Pulire ferita - applicazione balsami

Degenze

Ferite lievi: 1 PV al giorno dal momento delle cure [in caso di infezione, 1 PV al giorno dal momento in cui il PG si è sottoposto all’operazione “Pulitura della ferita”].

Ferite Gravi/Gravissime (generale): 1 PV ogni 2 giorni dal momento delle cure [in caso di infezione, 1 PV ogni 2 giorni dal momento in cui il PG si è sottoposto all’operazione “Pulitura della ferita”]

Ustioni: 1 PV ogni 2 giorni dal momento in cui il PG si è sottoposto all’operazione “Curare ustioni”.

Lussazione – Slogatura: 1 PV al giorno. Il PG non potrà usare l’arto ferito fino alla fine della degenza.

Maciullato: 1 PV ogni 3 giorno dal momento in cui il PG si è sottoposto all’operazione di Placcatura o Amputazione.

Guida al GDR